Crea sito

“Cari professori, siete la categoria che più mi irrita.”

Cari professori, siete la categoria che più mi irrita.

alessandro d'avenia

“Cari professori, siete la categoria che più mi irrita.” è l’incipit di una lettera inviata da un ragazzo ad Alessandro D’Avenia, scrittore e insegnante. Le parole “al netto dei toni dettati dall’intransigenza adolescenziale” diventano un momento di riflessione sull’unicità delle persone e quindi sull’unicità di ciascuno studente, ma anche sulla difficile condizione nella quale spesso i docenti sono chiamati a svolgere il proprio lavoro.

Scrive D’Avenia: ” Noi insegnanti siamo direttori d’orchestra o allenatori, abbiamo a che fare con vite irripetibili a cui affidare la sinfonia o la partita. Eppure nei nostri registri mancano spazi per descrivere i talenti di un ragazzo. I consigli di classe si riducono alla condivisione di voti e fatti spiacevoli di condotta. Se un ragazzo assistesse al momento in cui parliamo di lui durante un consiglio, che cosa scoprirebbe di sé? Si sentirebbe riconosciuto, tra punti forti e deboli, come portatore unico di qualcosa di nuovo? I collegi docenti diventano spesso dibattiti burocratici più che educativi. Negli scorsi anni abbiamo dovuto seguire corsi sulla sicurezza, e mi sembra opportuno, ma io vorrei essere obbligato anche a formarmi su come si scoprono i talenti dei ragazzi, sul mondo del lavoro di oggi e di domani, per orientarli in un presente che sta subendo una trasformazione senza precedenti. Quando sento dire, da chi in classe non entra, che l’uso del cellulare in aula è un toccasana per l’apprendimento ho la conferma dell’assenza di un progetto adeguato alle esigenze reali degli studenti, a cui invece servirebbe imparare come funzionano i linguaggi di programmazione che permettono alle app di funzionare, agli algoritmi di profilarci, proprio grazie a quel cellulare. Un sistema che non valorizza i docenti si merita una scuola che spegne la vita e che, invece di affrontare il mondo, lo ignora o vi si adegua.”

Leggi l’articolo integrale sul Corriere della Sera: Non farò mai l’insegnante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *