Una lezione di passione

Una lezione di passione

giornata della terra– Maestra ci hai spiegato che è importante esprimere le proprie idee attraverso il voto.
Ci hai raccontato che tanti uomini hanno sacrificato la loro vita per ottenere questo importante diritto.
Hai ribadito, un sacco di volte, che è fondamentale partecipare alla vita pubblica, dare il proprio contributo al rispetto dell’ambiente nel quale viviamo.
Ci hai detto che è necessario non inquinare, che dobbiamo ridurre gli sprechi e il consumismo.
Ti eri raccomandata con noi affinchè sviluppassimo una coscienza ambientalista: – Vi invito ad amare la vostra Terra, non feritela, partecipate al suo sviluppo in maniera sana e rispettosa. E’ la casa di tutti, non ne abbiamo un’altra! Combattete contro quegli interessi economici che la offendono ogni giorno distruggendo tante specie viventi: animali, piante e uomini.

Maestra ora ti chiediamo… perché celebriamo la festa degli alberi? La giornata mondiale della Terra? La festa del mare? La giornata dei Diritti dei Bambini? Abbiamo anche noi il diritto di vivere in un ambiente sano e pulito? Abbiamo anche il dovere di tutelarlo per tutti quei bambini che verranno dopo di noi?
– Avete ragione miei cari. Credete che io vi abbia raccontato delle false verità?
– No maestra! Ma allora perchè al referendum (Referendum 2016) i grandi non sono andati a votare?
– Ascoltate. Gli adulti talvolta dimenticano. Voi bambini, invece, dovete cercare di essere uniti dalle grandi passioni e dai nobili ideali. Coltivate l’amore per l’ambiente. Alimentate la fede verso il nostro territorio. Accendete in voi la speranza di lasciare questa Terra così come noi l’abbiamo ereditata, se non migliore. Non chiudetevi nella solitudine del vostro giardino dorato. Non costruite mura difensive d’indifferenza e di egoismo. Non calpestate i vostri diritti, valorizzateli! Non dimenticate i vostri doveri. Fate sì che dal vostro cuore nascano fiori con ideali nuovi e più autentici.
Riscoprite l’orgoglio di essere un popolo civile, educato, istruito e soprattutto “APPASSIONATO”.
Nella vita è importante coltivare le passioni.
Non abbiate timore, ciascuno di voi sarà un adulto migliore.
Maria Ruggi

“L’unica malattia è
che non ci sia passione.
Ci sono persone che trovano nel mondo un mero
luogo di passaggio, persone che non sentono quello che vedono,
che non toccano quello che incontrano; ci sono persone che non capiscono
che tutto quel che esiste è stato creato per appassionare, per assolutamente appassionare.
Se non c’è passione
A che serve che ci sia vita?
Ci sono persone
E poi ci sei tu.

Mi alzo alla vita per appassionare ed essere appassionata:
ecco quello che tutti dovrebbero, ogni mattina, essere costretti a dire e provare.
Mi alzo alla vita per appassionare ed essere appassionata. E anche questo alzarmi mi appassiona.

Basta spiegare quel che ci unisce
per spiegare il senso della vita.
L’unica malattia
è che non ci sia passione.”
Pedro Chagas Freitas

Precedente Coccarde per la festa della liberazione 25 aprile Successivo Il girotondo dei complementi

Lascia un commento